Il Salone del Libro di Torino quest’anno ci sfida ponendoci 5 domande non da poco. Dalle risposte a queste domande è nato questo progetto qui.
Davide Bacchilega, autore di La più odiata dagli italiani ha risposto con l’aiuto dei libri.

  1. Chi voglio essere?
    La nostra identità è in continua costruzione. Nell’epoca del culto di sé, chi aspiriamo a essere? Che rapporto c’è oggi tra l’essere se stessi, il conoscere se stessi e il diventare se stessi?Sono domande a cui cerca di rispondere anche Ottavio Tondi, il protagonista di Panorama di Tommaso Pincio (NN edizioni). Modesto collaboratore di una casa editrice, uomo assolutamente invisibile, diventa all’improvvisamente famoso per aver scoperto il libro dell’anno. Ma nella sua natura di lettore forte ha davvero scoperto se stesso? Quando cederà alle lusinghe di Panorama, un social network piuttosto invasivo, i confini della sua personalità di sgretoleranno sempre di più.
  2. Perché mi serve un nemico?
    I confini ci proteggono oppure ci impediscono di incontrarci e cooperare? Come e perché li tracciamo? Abbiamo bisogno di costruirci un nemico per poter sperare di non averne?Abbiamo bisogno di costruirci un nemico per sapere chi siamo, definendoci “per opposizione”. Questo accade quando non abbiamo abbastanza risorse interiori per definirci “per proposizione”. L’esempio letterario più classico è Il deserto del Tartari (Mondadori) di Dino Buzzati: ma se il nemico alla fine non arriva, noi chi diavolo siamo?
  3. A chi appartiene il mondo?
    Tra cent’anni la nostra Terra potrebbe essere meno accogliente di oggi. La forbice tra ricchi e poveri si allarga. Il lavoro si trasforma e può ridursi. Milioni di persone sono costrette a lasciare la propria casa. Di chi è il mondo? Chi deve prendersene cura?Il mondo appartiene a tutti coloro che in qualche modo possono incidere su di esso, ad esempio prendendo decisioni. Il lavoro è uno degli ambiti principali in cui prendiamo decisioni, ogni giorno. Ma se il lavoro viene abolito, cancellato dalle pratiche sociali, come nel romanzo La penultima città di Piero Calò (Las Vegas edizioni), e i cittadini/sudditi vengono mantenuti da crediti di Stato, cosa rimane del potere decisionale? Possiamo ancora dirci padroni di qualcosa?
  4. Dove mi portano spiritualità e scienza?
    Scienza e religione hanno dato forma alla nostra storia e al nostro pensiero. Ma sono state usate anche come strumenti di oppressione. C’è oggi una promessa di cambiamento e di futuro nella spiritualità delle religioni, nel rigore delle scienze? O altrove?Michel Houellebecq è tra gli autori che più di altri trattano questi temi, ipotizzando scenari talvolta estremi. In La possibilità di un’isola (Bompiani) una setta religiosa che promette la vita eterna riesce a soppiantare le altre religioni sfruttando le possibilità della scienza. Ma secoli dopo, i neoumani creati dalla biotecnologica non avranno di certo risolto tutti i loro problemi.
  5. Che cosa voglio dall’arte: libertà o rivoluzione?
    La creazione artistica può bastare a se stessa? O deve porsi l’obiettivo di cambiare le cose? Libertà o rivoluzione: cos’è l’arte, e che cosa deve e può dare a tutti noi?Qualcuno sosteneva che “tutta l’arte è completamente inutile”, ma è anche vero che se non fosse utile si perderebbe “come lacrime nella pioggia”. Di sicuro, l’arte è un grande strumento di comunicazione e lo sa pure… Gesù Cristo. Quello che John Niven fa ridiscendere in terra in A volte ritorno (Einaudi) e che attraverso un talent show diventa una pop star: dal palcoscenico i suoi messaggi all’umanità si diffonderanno molto rapidamente.

Davide Bacchilega è un romagnolo del 1977. Vive a Lugo e lavora a Bologna. Di giorno scrive pubblicità, di notte romanzi. Ha pubblicato i romanzi “White Russian” (Incontri editrice, 2005), “Deep Blue Hotel” (I fiori di campo, 2006), “I romagnoli ammazzano al mercoledì” (Las Vegas edizioni, 2014), “Più piccolo è il paese, più grandi sono i peccati” (Las Vegas edizioni, 2016) riedizione riveduta e corretta di “Bad news” (Giulio Perrone Editore, 2011). Diversi suoi racconti fanno parte di raccolte edite da Marcos y Marcos, Stampa Alternativa, Giulio Perrone Editore e altri. Finora non ha mai ammazzato nessuno al mercoledì.

  • Seguilo su:

Ehi, lo sai che ci sono 8 titoli a metà prezzo? Ma solo fino al 18/10/2018! Guarda qui. Ignora