In effetti sì, è disturbante, quindi per un lettore debole di stomaco potrebbe essere pesante, però intriga e soprattutto – e qui secondo me sta la bravura di uno scrittore – il sentimento di vendetta avvolge completamente il lettore che lo fa suo.

Su La Biblioteca di Babele Valentina Accardi ha recensito Come belve feroci di Giuse Alemanno.

Leggi la recensione.

Copertina Come belve feroci di Giuse Alemanno