Il romanzo porta per mano il lettore verso l’accettazione della vendetta come sentimento universale, e lo fa attraverso scene così crude da sembrare, a volte, quasi irrealistiche. Quando il lettore comprende che la vendetta accomuna tutti, è quasi impossibile non guardare ai due ragazzi con un sentimento di quasi-indulgenza, anche se vorremmo non provarlo.

Su Il Rifugio dell’Ircocervo Clelia Attanasio ha recensito Come belve feroci di Giuse Alemanno.

Leggi la recensione.

Copertina Come belve feroci di Giuse Alemanno