La notte raccolgo fiori di carne

di Giorgio Pirazzini

3,9912,00

Svegliarsi e ritrovarsi chiusi in una stanza. Al centro della stanza c'è un tavolo e sopra il tavolo una valigia e dentro la valigia qualcuno che si divincola. All'inizio la missione del protagonista è quella di scrivere e immortalare le gesta di quattro sadici. È l'unica possibilità, forse, per uscire vivo da quella stanza, per non finire lui stesso nella valigia. Ma da qui prende vita un gioco infernale fatto di vittime e carnefici senza distinzione, con continui colpi di scena, dove l'istinto di vendetta diventa l'unica risorsa disponibile e la libertà si guadagna solo accettando di perdere l'ultimo briciolo di innocenza.

Svuota
COD: N/A Categoria: Tag:

La notte raccolgo fiori di carne

Autore: Giorgio Pirazzini

Data pubblicazione: novembre 2011

Pagine: 109

Svegliarsi e ritrovarsi chiusi in una stanza. Al centro della stanza c’è un tavolo e sopra il tavolo una valigia e dentro la valigia qualcuno che si divincola. All’inizio la missione del protagonista è quella di scrivere e immortalare le gesta di quattro sadici. È l’unica possibilità, forse, per uscire vivo da quella stanza, per non finire lui stesso nella valigia. Ma da qui prende vita un gioco infernale fatto di vittime e carnefici senza distinzione, con continui colpi di scena, dove l’istinto di vendetta diventa l’unica risorsa disponibile e la libertà si guadagna solo accettando di perdere l’ultimo briciolo di innocenza.

Rassegna stampa.

Anteprima.

Giorgio Pirazzini è nato nel 1977 a Faenza (RA). Ha pubblicato “Un unicorno ti trafiggerà” (Freaks, 2011), “9 notti a Parigi” (Miraggi, 2011) e “La notte raccolgo fiori di carne” (Las Vegas edizioni, 2011), “I cattivi pensieri” (Las Vegas edizioni, 2013), “Gattoterapia” (Baldini&Castoldi, 2016).

  • Seguilo su:

 

La notte raccolgo fiori di carne è stato recensito su il Sole 24 Ore:

Già al terzo libro, il giovane autore di Faenza fa della sincerità (dote essenziale per uno scrittore) la sua arma vincente. Pirazzini parla del male e della sofferenza senza mezzi termini. Egli descrive le torture e le ferite inferte su corpi di uomini e donne da parte di una combriccola di aguzzini. Dopo aver rinchiuso i malcapitati nella valigia assaporano il piacere del dolore, dando vita a un perverso gioco voyeuristico fatto di ansia, eccitazione e paura. Con loro un giovane scrittore costretto a scrivere e a immortalare le sadiche gesta dei suoi carcerieri. Questo il suo compito, questa la sua condanna, ma forse anche l’unica possibilità di sopravvivere per non finire lui stesso nella valigia. […]

Pirazzini descrive con infallibile genialità una fisica e mistica ascesa all’inferno. La dannazione come percorso spirituale per trascendere il proprio Io. Che sia un dono o una condanna non spetta all’autore dircelo. Certamente non è  libro da giudicare utilizzando il rigido metro della moralità. Con La notte raccolgo fiori di carne ci troviamo a scoprire aspetti che non pensavamo di avere. Siamo vittime o carnefici?

Rassegna stampa

Ecco le ultime notizie su La notte raccolgo fiori di carne:

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “La notte raccolgo fiori di carne”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *