scegliere i libri

Una domanda che ci è stata posta è “Come faccio a scegliere un libro da leggere con tutta l’offerta che c’è?”

Ammetto che la reazione istintiva è stata quella di correre via urlando “Scusa, ciao, devo andare, ho lasciato il gatto sul fuoco.” Poi ho pensato che per quanto la domanda fosse complessa potevo provare a dare una risposta, solo che mi serviva spazio e tempo.

Ho iniziato a scrivere ed è venuta fuori una roba lunghissima e piena di deviazioni, parentesi, ramificazioni, punti da approfondire. Quindi ho pensato perché no, facciamoci una rubrica: una specie di cassetta degli attrezzi per i lettori.

Il primo consiglio che do di solito è: non guardate le classifiche, le nuove uscite, gli sconti, le pile in libreria. O meglio guardatele sapendo che sono strumenti di marketing che poco hanno a che fare con quello che veramente vi piacerebbe leggere.

Sappiate che i libri finiscono in classifica per i più svariati motivi: ad esempio l’editore ha deciso di fare tirature altissime e di inondare le librerie. Questo significa migliore esposizione, spesso in pile che ti fanno dire “Ma sì, se ce ne sono così tanti è perché è un libro importante, che venderà tanto e quindi sicuramente vale la pena di leggerlo.”

Magari qualcuno si riterrà immune da questi “sporchi trucchetti”, ma considerate che intanto quel libro voi l’avete visto, magari anche aperto per curiosità, cosa che con tantissimi altri libri non farete mai.

C’è anche un altro fattore: le classifiche non tengono conto dei libri effettivamente venduti ai lettori/clienti, ma sono calcolate in base ai libri distribuiti/ordinati dalle librerie. Ciò significa che se il libro è in cima alla classifica con 100000 copie, il mese dopo potrebbe sparire perché sono state rese tutte o quasi tutte, ma intanto in classifica ci è arrivato ricevendo una certa visibilità.

Quanto agli sconti, io capisco che una novità col 10-15-20% di sconto possa fare gola, ma ricordatevi una cosa: il prezzo di copertina del libro è già pensato tenendo conto del fatto che verrà scontato, anche se è appena uscito. Insomma, non vi stanno regalando nulla, stanno solo rendendo più appetibile l’acquisto.

Nulla di illegale o di particolarmente malvagio, però conoscere certe dinamiche aiuta a scegliere con più consapevolezza.

Ci sono libri usciti da un po’ che magari per una serie di motivi nessuno ha preso in considerazione: l’ufficio stampa era distratto a promuovere altro, la copertina non era azzeccata, nei giornali non hanno trovato spazio. Tutto questo però non li rende meno validi, anzi.

Questo non toglie ovviamente che un libro può scalare tutte le classifiche, invadere le librerie con torri alte come voi, essere recensito ovunque, essere scontatissimo anche se è rilegato in oro e pelle di unicorno ed essere un libro indimenticabile, fantastico, da non perdere.

Vi ho aiutato? Per niente, anzi, probabilmente vi ho confuso ancora di più le idee e ora dovete tenere in considerazione ancora più fattori di prima.

Ci sta bene un bel “To be continued…”