Daniela Marcheschi segnala “Non sparate sul regista” di Simone Cerri su Corso Italia 7 – Rivista Internazionale di Letteratura. 

Un «bestiario» in duplice senso: quello della casistica ragionata e descrittiva, come si usava fare nel Medioevo per gli animali reali e immaginari – dall’unicorno al formileone – all’insegna di una fantasia sfrenata; e quello di raccolta di “bestialità” o sciocchezzaio sempre più standard, preconfezionato, e servito fin troppo sovente nelle multisale.

Eccola qui.

Copertina Non sparate sul regista