Visto che i consigli precedenti vi sono piaciuti tanto, eccone altri 5. Questa volta partecipano anche editore e ufficio stampa che ne aggiungono altri 2. 

Se uno di questi libri vi attira e decidete di leggerlo, fateci sapere se vi è piaciuto!

Fedor Dostoevskij non è solo uno scrittore. A lui si può chiedere sia del senso della giustizia, sia della posizione delle stelle; sia dell’origine dell’uomo, sia dell’esito del prossimo raccolto; sia dell’assenza di Dio, sia come si ripara una bicicletta.
In Dostoevskij c’è più di quanto convenga immaginare.
Il mio suggerimento va ad una sua opera meno nota: Lettere sulla creatività (Feltrinelli).
Leggere questo breve libro rende, semplicemente, migliori ed in questo momento, estate o non estate, serve.

Giuse Alemanno

Autore di Come belve feroci, Scopri il libro

Ti consiglio La morte della bellezza di Giuseppe Patroni Griffi, da poco rieditato da Dalai Editore.
Parla di un amore di quelli che straziano l’anima, solo che ad amarsi sono due ragazzi mentre Napoli viene bombardata prima dagli Alleati, poi dai Tedeschi. Gli altri vacanzieri sbirceranno la copertina e penseranno che sei un cultore di arte antica e che stai leggendo un’inchiesta sui danni inflitti alle opere d’arte da tempo e inquinamento. E se ti vedranno sudare, non penseranno mai che sia per l’intensità delle scene erotiche.

Laura Costantini

Autrice di Il destino attende a Canyon Apache, Scopri il libro

Il libro che consiglio è Bye bye vitamine! di Rachel Khong NN Editore.

Scritto come un diario, gioca con il tempo e la memoria,  si aggrappa ai ricordi di chi non riesce a dimenticare e sparpaglia a caso quelli di chi, inconsapevolmente, lo ha già fatto.

Trasforma noi lettori in funamboli sul filo del ricordo che un attimo è fardello del passato da lasciar cadere giù, quello dopo un ricordo d’infanzia in cui ritroviamo anche noi stessi.
È adatto all’estate perché si può leggere a piccoli pezzi, tra un tuffo e l’altro, ma anche per i suoi menu strampalati come quello a base di succhi di melone, di meduse marinate,  di o di crucifere, preziose alleate per la perdita della memoria.
Una storia che si legge a più livelli,  che tinge di umorismo una situazione tragica e insegna a osservare le cose da nuove angolature.
(Poi la cover è splendida e trovate anche segnalibro e cartolina:)
Monica Coppola

Autrice di La misura imperfetta del tempo, Scopri il libro

Ti consiglio Memoria di ragazza di Annie Ernaux, che parla di un’estate di scoperte per una giovane ragazza. Un’estate lontana, quella del ’58, ma in realtà vicina a chiunque d’estate abbia voglia di scoprirsi improvvisamente diverso, di scoprire lati di sé stesso nascosti fino a quel momento. E qualsiasi cosa pensino delle tue letture i tuoi vicini di ombrellone, farebbe sicuramente molto bene anche a loro riscoprirsi un po’

Giuseppe Sofo

Autore di Quest'alba radioattiva, Scopri il libro

Ti consiglio Cuori Cicatrizzati di Max Blecher (Keller editore-Rovereto)
Lo consiglio perché Max Blecher è stato un giovane scrittore rumeno morto a 29 anni nel 1938. Malato di tubercolosi ossea, trascorse i suoi dieci anni di malattia sempre a letto, immobile. La sua fantasia però seppe volare libera e scrisse due romanzi e diverse raccolte di poesie. Nel libro che raccomando racconta la voglia di vivere che esplode in ogni essere quando sembra predominare la rassegnazione. Guardate: questa non è una storia piena di pietismo, di sofferenze, di nascondimenti. Anzi! È tutto il contrario!
Cuori Cicatrizzati è una perla di scrittura di sentimenti e di intuizioni: l’amore, il sesso, il dolore, la speranza, l’estremo bisogno di vivere. Ai suoi tempi Blecher fu avvicinato dai critici a Franz Kafka, Bruno Schulz, Robert Walser e, anche se personalmente non sono d’accordo, a Thomas Mann.
Vi prego, di leggerlo: sono sicuro che mi ringrazierete!
Enzo Gaiotto

Autore di Rosso Katmandu e Solo me ne vo per la città, Scopri il libro

Il mio consiglio per l’estate è I Melrose di Edward St Aubyn. Sono cinque romanzi in un unico volume, quasi mille pagine che vi terranno compagnia a lungo. Credo che la saga di Patrick Melrose, per approfondimento psicologico, per capacità di sviscerare ogni fatto ed evento e per ricchezza di sguardo, possa essere considerata una sorta di Recherche contemporanea. E il rapporto tra Patrick e suo padre è così terribile da risultare, narrativamente, meraviglioso.

Andrea Malabaila

Direttore editoriale

Il mio consiglio per l’estate è Extraterrestre alla pari di Bianca Pitzorno. Sì, è un libro per ragazzi, ed è stato pubblicato nel 1979, ma anche se certe cose vi risulteranno anacronistiche e esagerate, è perché libri come questo hanno contribuito a cambiare le cose.
La storia racconta di un(‘)adolescente extraterrestre senza sesso che viene adottato per un periodo da una famiglia terrestre. Mentre sul pianeta Deneb il genere sessuale non è rilevante, sulla Terra ti definisce, ti costringe, ti limita e ti soffoca.
Chi sbircerà la copertina penserà che volete partire per un altro pianeta. A ragione.

Carlotta Borasio

Ufficio Stampa

Non ci resta che augurarvi buone letture.