Non so se ve ne siete accorti, ma sì, è arrivata l’estate. Le giornate si allungano, i ritmi rallentano, ma soprattutto fa talmente caldo che di notte col cavolo che dormi. Ventilatore sparato, finestra aperta e libro in mano.

Sappiamo che siete sempre in cerca di bei libri, quindi abbiamo chiesto ai nostri autori di consigliarci un libro da leggere quest’estate.
Eccone 5.

Il consiglio per l’estate è I semi del male di William March. La prima traduzione italiana aveva il titolo più giusto, Il seme cattivo (dall’originale Bad seed). È la storia di una bambina che non scende a patti con nessuno. E, a differenza di sua madre, non ha alcuna esitazione. Adatto se hai voglia di un vero brivido che ti farà raggelare sotto l’ombrellone. O in montagna. O al lago. O ovunque tu sia. Buona lettura!

Cristina Brondoni

Autrice di Dietro la scena del crimine, Scopri il libro

Per questa estate ti consiglio di guardare dentro un buco della serratura e ritrovare tutti i bollori, i desideri, ma anche i sogni e i momenti delle grandi domande che io ho trovato nel divertente e profondo libro di Francesco Piccolo L’animale che mi porto dentro edito da Einaudi. Come ci ha abituati nei precedenti romanzi dal grande respiro autobiografico, Piccolo rilegge in chiave nostalgica e sociologica le tappe che rendono noi maschi uomini e quelle che invece ci avvicinano più agli animali, sì istintivi, ma anche spesso incapaci di scegliere con il cuore e lasciati trasportare dalla ferocia sentimentale. A volte animali che feriscono, altre volte, per fortuna, animali assetati di cultura, ispirazione, arte e capaci di innamorarsi della natura complessa, ma idilliaca delle donne. Un diario pieno di aneddoti amarcord, ma sempre attualissimi, racchiusi in stanze dove si muovono leggendarie visioni come Laura Antonelli ma anche eroi della letteratura come Sandokan. Di sicuro una lettura che gli altri vacanzieri sbirceranno pensando che stiamo leggendo un trattato zootecnico, ma che in realtà ci spingerà solo ad ululare alla luna piena, noi stessi pieni della bellezza della scrittura di Piccolo.

Christian Mascheroni

Autore di Attraversami, Alex fa due passi e Wienna. , Scopri il libro

Ti consiglio Gli ultrauomini di CTRL Magazine, che parla di «terrestri d’Italia in contatto con altre dimensioni». Gli autori degli undici reportage narrativi ci portano in un’impresa funebre che congela i cadaveri, nel cuore della terra a novecento metri di profondità, in una sala operatoria durante il trapianto di un rene, su una spiaggia battuta ogni giorno da collezionisti di messaggi in bottiglia… Un libro perfetto da portare in viaggio, perché è compatto ma contiene molti mondi. Inoltre il formato insolito e la copertina misteriosa non passeranno inosservati sotto l’ombrellone!

Elia Gonella

Autore di Saxophone Street Blues, Making Movies, Alla corte del Re Cremisi e Tenebre, Scopri il libro

Ti consiglio Estensione del dominio della lotta perché, al di là del titolo roboante, è il primo Houellebecq, non necessariamente il migliore, ma il più puro, lo scrittore così lontano che guarda la vita da un telescopio e vede formichine che si affannano. In questo romanzo, breve, molto breve, parla per la prima volta della sua fascinazione per il supermercato che esemplifica la sua visione dell’organizzazione della società umana. Gli individui si dotano di etichette e si piazzano negli scaffali con i propri simili. In questo modo il resto della società può capirli e rapportarsi a loro. Houellebecq va pazzo per questi luoghi, c’è persino una foto, unica, in cui sorride dentro al supermercato del XIII arrondissement di Parigi, dove vive. Perché anche i poeti fanno la spesa.

Giorgio Pirazzini

Autore di La notte raccolgo fiori di carne e I cattivi pensieri, Scopri il libro

Ti consiglio La casa di sabbia e nebbia di Andre Dubus III, perché è un libro in cui tante voci raccontano un’unica storia, e perché la storia che raccontano è una storia unica. Una storia che ha per oggetto una casa; che ha uomini, donne e ragazzi per protagonisti; che ha come temi l’amore e il dolore, il bene e il male. I poli di queste coppie di sentimenti sono separati da una linea, una linea sottile, facile da attraversare. Ci vuole un grande scrittore, per guidarci in questo attraversamento senza trascendere nella compassione verso la propria materia letteraria, ma restando, anzi, sul piano della partecipazione emotiva e umana. Se poi lo scrittore in questione è figlio di uno scrittore ancora più grande, il vecchio adagio del buon sangue che non mente rappresenta per noi lettori una garanzia in più.

Federico Fascetti

Autore di Fuori Stagione, Scopri il libro

Ora tocca a voi. Avete qualche suggerimento interessante per l’estate?