Solo fino all'11 dicembre 2022

Due offerte imperdibili,
tantissimi libri scontati,
un acquisto davvero sostenibile.

Vai agli sconti

Come scrivere una sceneggiatura eccezionale?

3 Ott 2022 | Scrivere | 0 commenti

Risposta breve: BOH! Oppure: “Se lo sapessi sarei ricco!”

Scherzi a parte, nessuno parte con l’idea di scrivere una sceneggiatura pessima. Ma l’alchimia che porta a un grande script è il prodotto di tanti fattori. Quali sono le regole per scrivere una sceneggiatura che funziona, che acchiappa il pubblico, che diventa un film indimenticabile? Per fortuna, esistono tecniche, dritte e consigli pratici che possono metterci sulla strada giusta.

Prima di tutto, si parte da qualcosa di piccolo. Poche righe (cinque!) in cui però abbiamo già chiare alcune cose: l’inizio, lo svolgimento e la fine della nostra storia. Il protagonista e l’antagonista, quindi il conflitto. E anche cosa c’è di nuovo, di diverso, dalle altre storie. Noi sceneggiatori lo chiamiamo PITCH, e spesso è proprio con quelle che vendiamo un progetto, raccontandolo magari a voce. Ecco: se sai raccontare a voce la tua storia, sei sulla buona strada.

Come si scrive una sceneggiatura: dal pitch alla logline

Il secondo passo nella scrittura di una sceneggiatura è la LOGLINE: un’espansione del pitch in cui spieghiamo meglio i punti di cui sopra. Il trucco, appunto, è espandere, non ricopiare: anche perché se un pitch è ottimo, fa sì che tu ti faccia delle domande – e con te il pubblico. Facciamo un esempio:

Un archeologo deve ritrovare l’Arca dell’Alleanza che contiene i Dieci Comandamenti, prima dei Nazisti. Ma il medaglione che porta all’Arca è in mano alla sua ex… che ce l’ha con lui.

È l’inizio della logline del primo Indiana Jones, che come sappiamo è il più bel film di tutti i tempi. Un archeologo? Chi è? Come si chiama? Cosa fa? L’Arca? Dov’è finita? Perché i Nazisti la vogliono?

Indiana Jones GIF - Find & Share on GIPHY

Insomma: un buon pitch e una buona logline ci fanno fare domande, le cui risposte ci portano a espandere la storia fino al punto successivo: la SCALETTA. La scaletta è sempre F-O-N-D-A-M-E-N-T-A-L-E per scrivere una sceneggiatura, ma lo è anche per chi si occupa ad esempio di romanzi.

Se il pitch è l’embrione della storia, la scaletta è il suo scheletro: tanti punti che spiegano in sintesi e senza fronzoli i singoli passaggi, seguendone i nessi logici (a differenza della vita, nelle storie le cose succedono SEMPRE per un motivo). Qui si fa il lavoro pesante, il “sollevamento pesi” narrativo. La scaletta viene scritta e riscritta, montata e rimontata. Ogni punto è una scena o una sequenza (più scene unite tra loro) che può essere spostato, eliminato, modificato.

Scrivere una sceneggiatura: il soggetto

Quando la scaletta funziona, si passa al SOGGETTO: un racconto più o meno breve (dalle quattro pagine per un “soggetto-menù” per far “venire fame” a un produttore, alle venti di un soggetto standard, fino al TRATTAMENTO di oltre trenta pagine) che, con dialoghi, atmosfere e artifici letterari racconta la storia in ogni sua parte, con una speciale attenzione al suo mood.

E quando anche il soggetto funziona, finalmente, si arriva a scrivere una SCENEGGIATURA!

Ogni punto della scaletta – e quindi ogni paragrafo del soggetto – diventa una o più scene, scritte con un font preciso (Courier 12) e con una formattazione speciale:

Esempio di come si scrive una sceneggiatura: 

1.	INT. STUDIO DI ROBERTO – GIORNO

ROBERTO (44), alto, bellissimo e pieno di capelli, scrive sul suo computer.

ROBERTO
Ah, come sono meraviglioso!

Tale formattazione serve a far sì che lo script sia leggibile da parte di tutti coloro che lavorano a un film, dal regista agli attori, dal direttore della fotografia allo scenografo: da qui, infatti, tutta la troupe trarrà le informazioni (nel cosiddetto “spoglio”) che servono per realizzare materialmente il film. Su tutto vale una sola, grande regola: scrivete in modo VISIVO, per immagini!

Come si scrive un film?

Insomma, la scrittura di una sceneggiatura è solo il punto di arrivo di un processo: un viaggio meraviglioso che conduce da un’idea a scene, personaggi, dialoghi, momenti indimenticabili. Concetti di narratologia e trucchi pratici, tecniche e consigli che possiamo imparare.

Ma senza mai dimenticare un ingrediente fondamentale: la PASSIONE.

La nostra storia deve prenderci da subito: deve appassionarci fin dal pitch, darci quell’emozione, quella scossa di paura, risate, lacrime, gioia, avventura che vogliamo dal nostro film.

Senza passione, non si scrive nulla di importante.

Volete imparare le tecniche per scrivere una sceneggiatura cinematografica?

Volete conoscere i processi, i modelli, i trucchi del mestiere dello sceneggiatore?

Volete fare cinema sulla carta… per arrivare allo schermo?

Iscrivetevi al Corso di Sceneggiatura Cinematografica online e in presenza di Las Vegas edizioni!

Ha scritto il post
Roberto Gagnor
Scrive per Topolino dal 2003. Ha firmato più di 200 storie Disney in italiano e inglese, tra cui Topolino e il Surreale Viaggio nel Destino e il ciclo della Storia dell’Arte di Topolino. Ha studiato regia ai Film&TV Workshops di Rockport (USA) e alla Scuola Holden con Abbas Kiarostami, e sceneggiatura al VII Corso RAI-Script a Roma. Ha vinto "Talenti in Corto" nel 2011, col cortometraggio Il Numero di Sharon. Il suo primo film da sceneggiatore, Sommer Auf Dem Land (Detail Film / Black Forest Films) è uscito nel 2012 in Germania e Polonia. È co-autore di Food Wizards in produzione con RAI e Zocotoco. È il co-fondatore di Magical Realist. Insegna sceneggiatura all’Accademia 09 (Milano) e all’Ist. Cinematografico Antonioni (B.Arsizio), oltre a tenere laboratori di fumetto per ragazzi. Collabora con Il Post.

Se questo post ti è piaciuto sappi che c’è un corso online di sceneggiatura cinematografica
in cui Roberto ti spiega come si scrive la sceneggiatura di un film e poi… la fa scrivere a te!

Guarda come funziona!

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *