Esce la nuova edizione di “Casinò Hormonal” di Gianluca Mercadante: ecco perché l’abbiamo ripubblicato

4 Apr 2018 | Fare i libri | 0 commenti

Qualche anno Casinò Hormonal aveva fatto la sua prima apparizione come racconto in ebook.
Era stato subito un successo e Panorama non aveva mancato di segnalarlo.
La casa editrice, allora, aveva chiesto a Gianluca Mercadante di ampliare la storia e trasformarla in un romanzo. Detto fatto, il romanzo era pronto a scalare le classifiche, ma la sua disponibilità solo in ebook e col print on demand ne aveva un po’ tarpato le ambizioni.

Ma perché abbiamo deciso di pubblicare Casinò Hormonal?

Io, Casinò Hormonal l’avevo letto subito e mi era piaciuto non solo perché trattava con leggerezza un tema piuttosto complicato – l’erotismo e il mondo del porno – ma anche perché mi sembrava di ritrovare lo spirito e il tono dei romanzi degli anni Novanta che avevo tanto amato e che mi avevano convinto a buttarmi nella mischia letteraria.

Non era soltanto una mia impressione, perché a una presentazione torinese il relatore Andrea Demarchi (uno che di quel periodo era stato grande protagonista) aveva detto esattamente la stessa cosa: “Questo libro è innanzitutto un omaggio agli anni Novanta.
Ovviamente non è solo un reflusso di nostalgia ad avermi convinto che Casinò Hormonal meritava una seconda possibilità. Questa è una storia sufficientemente particolare da meritarsi un posto nel nostro catalogo. Parla di sesso, ma parla soprattutto di amicizia. Parla del mondo del porno, ma parla di tutti noi.

E poi Gianluca è un habitué della nostra casa editrice: questo è il quinto titolo che pubblica con noi.

Vedrete da voi se non valeva la pena di riunirlo insieme agli altri suoi libri.

5%

A indirizzare la vita di Diego e Sandrino, due ragazzini della Vercelli degli anni Ottanta, è la scoperta casuale di un tesoro: una collezione di numeri del fotoromanzo pornografico SuperSex. Da quel momento i due amici si appassionano al genere e, una volta adulti, diventano stelle del cinema hard, Diego come attore e Sandrino come regista. Il loro successo raggiunge l’apice con le parodie dei film di 007 e non sembra arrestarsi.
Almeno fino a quando la celebrata virilità di Diego non inizia a perdere colpi e tutta la sua vita (professionale e familiare) rischia di andare in frantumi.
Ma forse è nel passato che Diego può trovare una soluzione ai suoi problemi…

Ha scritto il post
Andrea Malabaila
Sono nato a Torino nel 1977. Nel 2007 ho fondato Las Vegas edizioni, di cui sono Sindaco, direttore editoriale, oscuro burocrate e facchino. Insegno Scrittura Creativa alla Scuola Internazionale di Comics di Torino. Ho pubblicato il primo romanzo a ventitré anni e da allora il vizio della scrittura non mi ha più abbandonato. Fino a qui i romanzi sono otto: “Quelli di Goldrake” (Di Salvo, 2000), “Bambole cattive a Green Park” (Marsilio, 2003), “L’amore ci farà a pezzi” (Azimut, 2009; Clown Bianco, 2021), “Revolver” (BookSalad, 2013), “La parte sbagliata del paradiso” (Fernandel, 2014), “Green Park Serenade” (Pendragon, 2016), “La vita sessuale delle sirene” (Clown Bianco, 2018), “Lungomare nostalgia” (Spartaco, 2023). Nella prossima vita voglio essere l’ala destra della Juventus Football Club, nella precedente avrei voluto essere uno dei Beatles.

0 commenti