Se acquisti un libro cartaceo ora, l'ordine verrà spedito dopo il 4 di settembre.
Ebook e corsi invece sono sempre disponibili 🙂
Buone vacanze!

Lo Straordinario

di Eva Clesis
La vita di Lea: una fantastica storia scritta da uno sceneggiatore misogino, in cui lei fa anche la carne da macello, quella che sai subito che muore dopo le prime due scene.

Alla tenera età di 37 anni, Lea sta cercando se stessa, ma le basterebbe trovare un nuovo inizio: ha rotto con il fidanzato, ha perso il lavoro presso una rivista di moda e sogna una carriera da giornalista d’assalto. Come se non bastasse, ha una sorella gemella di successo e una madre lontana e ipercritica.
Nonostante pensi di avere più sfiga che talento, le cose iniziano a girare per il verso giusto non appena Lea mette piede nella sua nuova casa, in un condominio della periferia milanese. I suoi abitanti lo chiamano “Lo Straordinario”. I padroni di casa sono una coppia di anziani gentilissimi, la mansarda in cui va a vivere è deliziosa, il prezzo dell’affitto incredibilmente basso, gli inquilini zelanti e prodighi di attenzioni. Tutti sono pronti ad accogliere Lea come in una grande famiglia.
Ma ogni famiglia è infelice a modo suo. E giorno dopo giorno Lea sospetta di essere diventata la pedina di un gioco sconosciuto, prigioniera della sua stessa casa e dei suoi vicini. Come potrà mai riuscire a evadere da ciò che si è trasformato in un Eden asfissiante?

Pagine: 236
Formato cartaceo: 13 x 19 cm
Formato ebook: epub senza DRM
Uscita: febbraio 2018
Isbn cartaceo: 9788895744445
Isbn ebook: 9788895744575

COD: 9841 Categorie: ,
Svuota
Eva Clesis

Eva Clesis

Autrice di Lo Straordinario

Eva Clesis è nata nel 1980 a Bari. Ha pubblicato “A cena con Lolita” (Pendragon, 2005), “Guardrail” (Las Vegas edizioni, 2008), ora in una nuova edizione, “101 motivi per cui le donne ragionano con il cervello e gli uomini con il pisello” (Newton Compton, 2010), “E intanto Vasco Rossi non sbaglia un disco” (Newton Compton, 2011), “Parole sante” (Perdisa Pop, 2013), “Finché notte non ci separi” (Lite Editions, 2014), “Lo Straordinario” (Las Vegas edizioni, 2018).

Primo capitolo

Capitolo 1

«Dobbiamo parlare.»
Gli ha detto solo questo, prima di essere interrotta dalla barca che salpava, il loro transatlantico giapponese. Trentadue pezzi di nigiri, sedici di sashimi, dodici maki, sei californian rolls e infine due temaki ripieni di avocado e salmone, che svettavano sulla poppa come capitani, tra bandierine di carta e decorazioni.
Un’interruzione giusta: Lea ha fame.
L’apparizione della barca di cibo, dietro cui si possono vedere le due spalle esili della cameriera, per il resto nascosta dalle cibarie, le riempie la bocca di acquolina e, come l’ammoniva sempre sua madre quando era piccola, la gemella indisciplinata tra lei e sua sorella Tea, non si parla a bocca piena.
Ma soprattutto è difficile trovare le parole, e l’appetitoso equipaggio della barca le fa brontolare lo stomaco e girare la testa. Come puoi dire all’uomo che ami che lo stage di cinque mesi per cui avevi tanto insistito, accettando un rimborso spese di cinquanta euro molto di compromesso, e per cui avevi rifiutato il posto di assistente alla poltrona dal dentista di Sesto Marelli che ti aveva procurato sua cugina – certo non il lavoro di redattrice che sognavi ma “un lavoro dopotutto”, come lo aveva definito lui una volta, e “un buon part-time”, come lo aveva giudicato sua madre al telefono, e un “fai sul serio?”, come invece l’aveva snobbato Tea –, insomma come puoi dire all’uomo che ami che lo stage presso la redazione online di Vogue Italia non ha portato al contratto che speravi, e che anticipavi a lui, ai tuoi, a Tea e ai vostri amici come “è cosa fatta”

Che oggi è stato il tuo ultimo giorno di lavoro, come cazzo dirglielo?
«Parlare di cosa?» la incalza Pietro.
«Se la smetti di guardare il cellulare magari te lo dico» gli fa Lea, che ha buttato lì una frase tanto per prendere tempo, sia di vuotare il sacco che di riempirsi il piatto. Poi però ha osservato di nuovo il suo fidanzato, accorgendosi che la frase, che forse maturava nel suo inconscio da un po’, “un’espressione dormiente che attendeva il bacio della ragione”, come avrebbe detto sua madre, non era così campata in aria.
Negli ultimi tempi Pietro guarda spesso il cellulare. Solo il cellulare. Lea ha notato questo andazzo già da qualche giorno, forse due settimane, è una cosa che Pietro fa più o meno dal ritorno dalle loro vacanze in Salento.
«Ma dài, controllavo l’orario, un’attesa di quarantacinque minuti nonostante abbiamo ordinato subito.» Pietro glielo dice poggiando il telefonino a pancia in giù sulla tovaglia, ma di sghimbescio, quasi a sincerarsi di poter controllare se lo schermo si illumina.

Chi l’ha letto dice

4 reviews for Lo Straordinario

  1. Laura Ribotta

    Capisci da subito che ti vuol portare da qualche parte e fai resistenza, ma fino alla fine non capirai la destinazione.

  2. Cesare L.

    La vita di Lea passa da zero a cento in pochi istanti. Un’accelerazione troppo bella e rapida per essere vera. E infatti la sua nuova vita allo Straordinario diventerà ben presto poco straordinaria. Alternando ironia e leggerezza a una vena di inquietudine, il libro di Clesis è una brillante storia al femminile, rafforzata soprattutto dall’originalità dei personaggi secondari.

  3. unlibroperamico_dany

    Eva Clesis ci regala un romanzo dalla trama originale e coinvolgente, che riesce a tenere il lettore in sospeso per tutto lo scorrere delle pagine.
    Ho amato ogni singolo personaggio di questo libro ed ho amato profondamente questa storia così particolare, capace anche di buttare un occhio sulla mia Milano, sulla stramba idea che hanno moltissimi milanesi di città che considerano l’hinterland come un luogo lontanissimo, scomodo e pieno di pericoli.
    Impossibile non affezionarsi alla protagonista e non immedesimarsi in lei, nella sua ricerca di un posto nel mondo, nel suo dover fare i conti con una sorella gemella affermata ed una madre sempre pronta alla critica.
    Un libro dove nulla è come sembra, dove dietro ad ogni porta si cela un mistero e dietro ad ogni personaggio una storia da scoprire.
    È un libro che non vi deluderà e che saprà conquistarvi!!!

  4. Giulia Mastrantoni

    Questo romanzo mi è piaciuto molto. All’inizio temevo che potesse scadere nella solita storiella distopica, ma non lo ha fatto. Pollicioni in alto 🙂

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *