Black Friday!

Abbiamo deciso di fare spazio in magazzino

e mandare un po' di libri al macero.

Ma prima ti diamo l'occasione di acquistarli con 50% di sconto!

Fammi vedere!

Bowling e margherite

di Manuela Giacchetta
L'amore è più complicato di un libro complicato.
In offerta!

A volte succede di girare a vuoto, con la perfetta sensazione di non raggiungere niente. Proprio come quando vogliamo ma non riusciamo a terminare un libro. E allora Lorenzo si impone. Di smettere di pensare alla ragazza unica e sexy che lo ha appena lasciato, di buttare le gomme da masticare appiccicate sulle mensole della libreria, di riordinare i propri pensieri e, perché no, di finire l’Ulisse di Joyce. Ma a chiudere porte spesso ci si ritrova ad aprirne altre e Lorenzo inizia a interessarsi a una particolare ammiratrice segreta. Perché proprio lui? Cosa vorranno dire i biglietti lasciati sulla porta? E chi sarà, visto che non conosce altre donne all’infuori dell’onnipresente ex? Accompagnato dal fedele amico Cionco, Lorenzo scoprirà come sia difficile fare a meno dell’inaspettato.

Pagine: 200
Formato cartaceo: 13 x 19
Formato ebook: epub senza DRM
Uscita: gennaio 2011
Isbn cartaceo: 9788895744162
Isbn ebook: 9788895744902

COD: 4612 Categorie: , , Tag: , , ,
Svuota
Manuela Giacchetta

Manuela Giacchetta

Autrice di Bowling e margherite

Manuela Giacchetta è nata 1972 a Fabriano (AN). Attualmente vive e lavora ad Ancona. Ha pubblicato “Bowling e margherite” (Las Vegas edizioni, 2011) e “La collezione Lancourt” (Las Vegas edizioni, 2013).

Primo capitolo

Capitolo 1

Oggi.
Ulisse. J. Joyce. Pagina 148.
Ce la posso fare.

Ma non ce l’avrebbe fatta. E Lorenzo lo sapeva, lo aveva saputo nel momento stesso in cui lo aveva preso in mano, l’Ulisse. Quello di Joyce. Perché c’erano di quei libri di cui subivi il fascino, che ti suadevano infingardi con il loro titolo o il loro autore o la loro quarta di copertina e poi ti abbandonavano bastardi dopo la prima pagina. O peggio, dopo la prima riga.
Lorenzo lo aveva comprato a diciott’anni l’Ulisse. Ovvero la bellezza di dieci anni prima. Di norma a diciott’anni ci si comprava la macchina o al limite ci si impegnava nel primo coito interrotto con la puttana pagata dalla colletta dei cari amici. Lorenzo no, lui s’era comprato l’Ulisse di James Joyce. Come il peggiore degli sfigati. Però s’era pure comprato la macchina, in effetti. Sì, infatti, non era poi così sfigato. Ma se pensava che erano la bellezza di quasi quattro anni che arrancava su quelle pagine e che iniziavano pure a puzzare di nuovo stantio cominciava, come dire, a dubitare della sua sanità mentale.
O forse l’unica sanità mentale della quale doveva preoccuparsi era quella di Cionco, che aveva ancora il coraggio di parlare a quell’ora.
«Capisci?» pretendeva pure.
«Mm-m» rispose Lorenzo, all’apice di un vaffanculo.
«In fondo è strano, no?» incalzò lui. «Te ne rendi conto solo all’improvviso.»
«Mm-m.»
Mm-m era il massimo della sua partecipazione emotiva dopo esattamente due ore e ventisette minuti che stava ciondolando la testa in cenno di inconfutabile attenzione.
«È un po’ come la storia dell’ombelico. Sai qual è la storia dell’ombelico? Lorenzo, ma mi ascolti?»
Lorenzo racimolò l’ossigeno con evidente, spossata difficoltà.
«Senti Cionco, sono le tre e mezzo di notte, la mia quarta birra è finita da due ore, Elisabetta non telefona e tu mi vieni a parlare di ombelichi?»
Avariato. È questo che Lorenzo pensò dell’ossigeno nei polmoni. Sperò soltanto che Cionco sorvolasse sull’unico nome che non avrebbe mai dovuto pronunciare in presenza di qualcun altro.
«Guarda che è interessante. E poi scusa non ho capito… Elisabetta?»
Cionco non aveva affatto intenzione di sorvolare sull’unico nome che moriva dalla voglia di sentire.
«Una volta non avevi detto… aspetta… com’era… “l’uomo che permette a una donna di spezzargli il cuore, non è un uomo, è uno squacquerone”? Guarda che lo avevi detto te.»
Cionco era un bastardello. Ma i buoni amici servivano a quello, dopotutto: a ricordarsi di tenere la bocca chiusa.
«Beh, sì, e allora? Lo avevo detto prima che Elisabetta… lo avevo detto prima di Elisabetta. Senti Cionco, lasciamo stare, non mi va per niente di parlare di Elisabetta.»