La collezione Lancourt

di Manuela Giacchetta
L'amore incompiuto non ha tempo.
In offerta!

Parigi, 1908. Quando gli occhi dei fratelli Jerome e François Lancourt si posano su Sabine, entrambi capiscono di aver passato una vita ad aspettare lei. Arrivata in casa Lancourt come lettrice per la madre malata, la ragazza scopre fin da subito di avere rotto un equilibrio precario. Italia, oggi. Bianca De Nardi ha ventitré anni e sta aspettando che qualcosa cambi nella sua vita. Succede quando un misterioso collezionista si interessa al quadro che lei possiede sin da bambina. Bianca scopre a sue spese che c’è molto altro dietro a quella compravendita: qualcosa, in lei, che la lega in modo drammatico al passato di tre uomini che entreranno nel suo presente. Due storie intrecciate nel tempo che diventeranno un’unica storia d’amore incompiuto.

Pagine: 270
Formato cartaceo: 10 x 12
Formato ebook: epub senza DRM
Uscita: maggio 2013
Isbn cartaceo: 9788895744254
Isbn ebook: 9788895744773

COD: 4619 Categorie: ,
Svuota
Manuela Giacchetta

Manuela Giacchetta

Autrice di Bowling e margherite

Manuela Giacchetta è nata 1972 a Fabriano (AN). Attualmente vive e lavora ad Ancona. Ha pubblicato “Bowling e margherite” (Las Vegas edizioni, 2011) e “La collezione Lancourt” (Las Vegas edizioni, 2013).

Primo capitolo

Parigi, 1908

Al suono del campanello Jerome Lancourt sollevò il pennello dalla tela.
«Chi sarà adesso?» chiese brusco al fratello seduto lì vicino con un libro in mano.
François appoggiò una mano aperta sulla pagina per non perdere il segno.
«Dovrebbe essere la ragazza che legge.»
«Un’altra?» commentò Jerome schiacciando infastidito le setole sulla tavolozza, scurendo il colore e l’umore.
«Lo sai che la mamma è esigente» disse François rivolto verso la porta, aspettando che la domestica aprisse.
«È la quinta donna che viene in un mese. Non ne troverà mai una che le andrà a genio. Lo sai meglio di me» rispose Jerome chinandosi sopra la tela, come specchiandosi.
E in un certo senso sembrava che lo stesse facendo, specchiarsi, perché il dipinto al quale stava lavorando era il suo autoritratto.
«Questa volta è diverso» aggiunse François. «Sembra che la ragazza che sta arrivando abbia lavorato per uno scrittore.»
«E allora? Che razza di qualifica è?»
«Pare che gli facesse leggere a voce alta tutto quello che scriveva.»
«Uno “scrittore”» ripeté Jerome con un sorriso acido. «Già me l’immagino che tipo d’uomo. Un alcolizzato senza soldi che sarà andato per bettole a cercarsi una donna. E avrà trovato lei.»
Jerome Lancourt ci lavorava da anni al suo autoritratto, un’ora al giorno, anche se in privato si era sempre definito un paesaggista.
«Uno scrittore famoso, sembra» continuò François, senza voler contraddire il fratello.
«Se non è morto, non sarà poi così famoso» replicò, secco.
In pubblico invece, durante i rari incontri mondani, Jerome Lancourt si proclamava prima di tutto un pianista mancato.
«Tu hai le mani da pianista, tesoro» gli diceva sua madre, da piccolo, mentre gli cambiava la pezza bagnata sulla fronte. «Diventerai un famoso concertista» aggiungeva sempre, ogni volta che stava male.
E per gran parte dell’infanzia, Jerome Lancourt era stato spesso
sul punto di morire. Tutti parlavano sottovoce quando c’era lui nella stanza, tanto che Jerome aveva spesso avuto, da bambino, l’impressione di essere invisibile, o di essere già morto.
«Voglio fare il pittore» aveva invece detto Jerome, un giorno in cui finalmente quel pallore moribondo sembrò lasciarlo.
La madre lo aveva abbracciato stretto, baciandolo con tutta la dolcezza profumata di cui era sempre stata capace.
«Diventerai tutto quello che vorrai, tesoro mio.»
Jerome Lancourt aveva poi cercato di diventarlo, quello che voleva: un ritrattista.