Voglia di leggere?

C'è il BlackFriday!

4 pacchetti con 4 libri a 39 €: uno per ogni stagione!
Corriere e ebook sono inclusi.
Scade il 4 dicembre!

Corro!

Un’altra estate

di Beppe Marchetti
Una storia frizzante, quanto una birra appena stappata.

Un’altra estate sta per iniziare e Alfio si prepara a salire sul treno, verso l’Adriatico. Sa già che sarà tutto come sempre: motivetti ripetuti al sole, discoteche abbandonate in autostrada, pub dove vengono serviti cocktail dai nomi anglo-romagnoli e fiumi di birra. Ma quest’anno per Alfio sarà diverso. Perché nella quiete domestica dell’hotel Miranda arriva lei, Estelle. E ogni cosa per Alfio acquista un senso diverso, trasformando la sua estate in una corsa sfrenata verso la conquista di un piano intermedio da dividere solo con lei, anche a costo di dover lottare contro pescatori guardoni, autisti di autobus indolenti, albergatrici irose o semplicemente il fidanzato di Estelle. Fidanzato che pare lontano, ma neanche troppo…

Pagine: 135
Formato cartaceo: 13 x 19
Formato ebook: epub senza DRM
Uscita: maggio 2009
Isbn cartaceo: 9788895744100
Isbn ebook: 9788895744872

COD: 4604 Categorie: ,
Svuota

Beppe Marchetti

Autore di Un’altra estate

Beppe Marchetti è nato a Pavia nel 1974. Ha pubblicato “Un’altra estate” (Las Vegas edizioni, 2009). Ha aperto a Torino la libreria Massena28 ed è stato il libraio di Luna’s Torta.

Primo capitolo

Capitolo I

In cui conosciamo Alfio, il nostro eroe, che parte da una Milano non molto marittima

Alla stazione centrale di Milano gli altoparlanti hanno tutto il potere.
Prendete un’estate qualsiasi. Il primo agosto, diciamo. È sabato e siamo verso le undici di mattina. Ci sono migliaia di umani confusi, in rotta tra binari e biglietterie. Trottano trascinando valigie indocili come bulldog, roteano su se stessi, poi credono di vedere qualcosa baluginare all’orizzonte – forse è un treno, forse addirittura il loro treno – e allora partono decisi in direzione sud-sudest, inciampano nella propria valigia-bulldog, carambolano su altre persone, rimbalzano indietro e si fermano frustrati. A questo punto non sanno più dove sono, e tanto meno dove andare: girano lo sguardo ma trovano solo altri sguardi, interrogano il tabellone che però è impazzito per il caldo e mostra solo le consonanti, riducendo le destinazioni a codici fiscali.
Allora i più fortunati, quelli che sono vicini a una colonna, s’appoggiano alla colonna. Il marmo ruvido contro la schiena dà loro un senso di solidità. «Devo essere a Rimini entro sera» mormorano per darsi coraggio, o forse la meta non è quella ma Cattolica, Varazze, Pizzo Calabro o Lignano Sabbiadoro. Ma devono comunque partire, questi passeggeri, perché è estate e il caldo incombe, il mare attende. Così eccoli osservare tristi il cartello pencolante sulla porta dell’ufficio informazioni: “Chiuso per ferie”. Eccoli sfiorati da insensibili sgherri in divisa Effe-Esse, che pattugliano i binari come fossero fortilizi. Eccoli sfiniti, alzare gli occhi al cielo in attesa di un segnale.
Ed ecco il segnale.
Esso – l’altoparlante – emette un vagito metallico: ’tlin. Si schiarisce la gola ferrosa, soffia via qualche grammo di dubbiosa polvere, e così vaticina: «Il diretto per Ancona partirà dal binario cinque.» Subito una folla si muove verso il binario cinque. Tutti, quelli diretti a Bolzano e quelli in partenza per Catanzaro. Tutti insieme, che dal binario cinque un treno comunque partirà, e li toglierà da questa follia.
Se in Italia non s’è mai fatta una rivoluzione, è solo perché nessuno ha mai pensato a questo: occupare la postazione degli annunciatori alla stazione centrale di Milano. Basterebbero due persone fidate con un megafono a portata di bocca e il gioco sarebbe fatto.
«I passeggeri dell’Espresso per Napoli si armino e diano l’assalto al Municipio. »
«E voi, voi che aspettate il locale per Catania, voi che da giorni preparavate il viaggio e vi siete portati dietro trecento chili di bagagli, voi che zi’ Turiddu non lo vedete da vent’anni, voi che sognavate i cannoli con la ricotta fresca, proprio voi! Sappiate che il locale per Catania non partirà mai e la colpa è del governo.»
Così comincerebbe la rivoluzione.
Solo che nessuno c’ha mai pensato, per l’appunto, e a cominciare è soltanto un’altra estate.

Chi l’ha letto dice

1 review for Un'altra estate

  1. Dalila (proprietario verificato)

    Questo simpaticissimo libro è stata una piacevole scoperta…lo scrittore, con un linguaggio ricco, originale e scorrevole al tempo stesso, riesce perfettamente a riprodurre le atmosfere e le emozioni tipiche delle vacanze estive: il “viaggio della speranza” dal nord verso la meta al mare, la vita da spiaggia e l’inesorabile, spesso troppo veloce, arrivo del termine della vacanza. La trama ruota attorno allo stravagante Alfio, personaggio a cui ci si affeziona sin da subito,, e alla sua storia d’amore con la sfuggente Estelle…questo libro mi ha portato una ventata di spensieratezza in questo monotono periodo di lockdown! Grazie Las Vegas Edizioni!

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *