In offerta!

Non sparate sul regista

0,0010,00

Il cinema americano ci ha abituato a personaggi, luoghi e situazioni improbabili, ma che nei film si ripropongono con una costanza sorprendente. Personaggi come il barista filosofo che dispensa consigli a destra e a manca, o il poliziotto all’ultimo giorno di lavoro prima della pensione che finisce inevitabilmente in mezzo a una sparatoria da cui non uscirà vivo. Luoghi ricorrenti come i motel con vista parcheggio o i locali notturni in cui si combatte più o meno clandestinamente. E infine situazioni che si ripetono fino alla nausea, come il conto alla rovescia prima dell’esplosione di una bomba o la macchina che decide di non partire proprio nel momento più sbagliato.

Svuota carrello
COD: N/A Categoria: Tag:

Descrizione

dettagli

Collana: i jolly
Pagine: 200
Formato cartaceo: 12 x 17
Uscita: aprile 2016
Isbn cartaceo: 9788895744353
Isbn ebook: 9788895744636

l’autore

Simone Cerri

Simone Cerri

Autore di Non sparate sul regista

Simone Cerri è nato a Milano nel 1973. Dai suoi libri, “Italian Tabloid”, “La farfalla di Lana Turner”, “Un condominio di gente dabbene” e “Non sparate sul regista” (Las Vegas edizioni, 2016) non sono stati tratti dei film. Personaggio tragicamente anacronistico, nel tempo libero tira di scherma, compone minuetti, fa di conto e compone strambotti per la sua bella.

Recensioni

  1. Francesca

    Mi è stato regalato da un’amica perché sono appassionata di cinema. In un momento un po’ difficile della dmia vita questo libro mi ha strappato più di una risata.
    Forse quando dicono che i libri fanno bene alla salute… intendono questo.
    Francesca

  2. FABRIZIO (proprietario verificato)

    L’ho letto tutto di un fiato, asciugandomi spesso le lacrime dal troppo ridere.
    Quando guardi film e serie tv non ci pensi, a certe cose. Un plauso all’autore per avere tirato fuori “gli scheletri nell’armadio” degli sceneggiatori. Bravo!

  3. Chiara (proprietario verificato)

    Scommettiamo che dopo aver letto questo libro, non guarderete più i film con lo stesso occhio?

  4. Annarita

    Mi sono imbattuta per caso in questo libro e devo dire che l’ho preso solo perché incuriosita dal titolo. Adesso che l’ho letto non ne sono affatto dispiaciuta perché con verve e umorismo Simone Cerri ci conduce pagina dopo pagina tra i luoghi comuni dei film americani ai quali magari non facciamo più nemmeno caso e che pure vivono e prosperano. Il libro è diviso in tre parti nelle quali l’autore esamina con occhio disincantato i personaggi, i luoghi e le situazioni e lo fa sempre con ironia e con simpatia, con un linguaggio semplice ma non banale e, vivaddio, corretto e gradevole. Ho trascorso qualche ora piacevole e ho pure riso di gusto.

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *