Voglia di leggere?

Se acquisti il cartaceo ebook è incluso.
Se superi i 29.90 € è compreso anche il corriere! 

Corro!

Non sparate sul regista

di Simone Cerri
Siamo certi che il poliziotto prossimo alla pensione morirà e che la fuga del nostro eroe passerà necessariamente da un motel. Ma non sappiamo spiegarci il perché.

Il cinema americano ci ha abituato a personaggi, luoghi e situazioni improbabili, ma che nei film si ripropongono con una costanza sorprendente. Personaggi come il barista filosofo che dispensa consigli a destra e a manca, o il poliziotto all’ultimo giorno di lavoro prima della pensione che finisce inevitabilmente in mezzo a una sparatoria da cui non uscirà vivo. Luoghi ricorrenti come i motel con vista parcheggio o i locali notturni in cui si combatte più o meno clandestinamente. E infine situazioni che si ripetono fino alla nausea, come il conto alla rovescia prima dell’esplosione di una bomba o la macchina che decide di non partire proprio nel momento più sbagliato.

Pagine: 196
Formato cartaceo: 12 x 15
Formato ebook: epub senza DRM
Uscita: marzo 2016
Isbn cartaceo: 9788895744353
Isbn ebook: 9788895744636

COD: 7726 Categorie: ,
Svuota
Simone Cerri

Simone Cerri

Autore di Non sparate sul regista

Simone Cerri è nato a Milano nel 1973. Dai suoi libri, “Italian Tabloid”, “La farfalla di Lana Turner”, “Un condominio di gente dabbene” e “Non sparate sul regista” (Las Vegas edizioni, 2016) non sono stati tratti dei film. Personaggio tragicamente anacronistico, nel tempo libero tira di scherma, compone minuetti, fa di conto e compone strambotti per la sua bella.

Primo capitolo

Introduzione

L’uomo del terzo millennio pensa di sapere quasi tutto. Ha esplorato prima il pianeta camminando, navigando o volando, poi ha cominciato a occuparsi del cosmo. Infine si è guardato dentro, studiando la psiche, il cervello, la società e ogni causa utile per ricercare le motivazioni più profonde dei nostri comportamenti.
Non ha capito molto della Terra, poco del cielo e meno ancora dell’uomo. Ma l’indagine è stata fatta. Dove rivolgere dunque l’attenzione della ricerca oggi?
Consultando i giornali si scopre, ad esempio, che alcuni scienziati stanno cercando di sparare molecole in una galleria in Svizzera per dimostrare se ha più accelerazione un neutrino ticinese o la Skoda Felicia della polizia cantonale. Altri si sono messi a pesare il corpo dell’uomo post mortem per capire se siamo composti da un’anima o siamo solo grosse bombole di gas inesploso che camminano. C’è chi ricostruisce gli escrementi fossili dei dinosauri per capire se gli erbivori del Siluriano soffrivano di colite spastica, e altri che si affannano a decrittare le incisioni rupestri per sapere se anche gli etruschi soffrivano di forfora.
L’homo sapiens sapiens crede di conoscere tutto di sé e di quello che lo circonda, tanto che le attuali ricerche scientifiche si rivolgono verso il futile, ossia quelle rare zone inesplorate del sapere umano. Ma se prendiamo la nostra giornata tipo (sveglia, tragitto casa-lavoro, lavoro, tempo libero, cena, tempo libero), ci rendiamo conto che c’è almeno una zona buia nella quotidianità di ognuno di noi, un momento dove il cosiddetto metodo scientifico, unitamente al buon senso, viene gettato in fondo a un oceano.
Pensateci bene: sapete esattamente le calorie di ciò che assumete a ogni pasto, quale combustibile utilizza il mezzo che vi porta al lavoro, quante serie di addominali dovete fare in palestra, che cosa è uno spread, quanto vi rendono le vostre obbligazioni, che cosa avete compreso nel vostro piano tariffario telefonico. Tutte cose complicate con le quali avete a che fare tutti i santi giorni e che conoscete in modo approfondito. Di fatto sapreste spiegare razionalmente ogni scelta o atto della vostra giornata o fenomeno al quale assistete. Eppure, eppure, non sapreste spiegare perché il buono e il cattivo in un film si inseguono sempre sopra il treno e mai negli scompartimenti. Perché durante le sparatorie c’è sempre un uomo che cammina sul lucernario. Perché gli agenti dell’FBI hanno tutti la faccia come il culo e tramano contro il nostro eroe, che pure è l’incarnazione del bene. Perché nessuno balbetta al cinema e le ricercatrici di artropodi del Borneo sono più belle di una Coniglietta di Playboy. Perché il cattivo blatera per ore prima di sparare. Perché l’amico del nostro eroe prima di morire recita un monologo anche se è stato colpito con una cannonata in pieno ventre. Perché cerchino di ammazzare il nostro eroe infilandogli una tarantola nel letto (già che erano entrati in casa non potevano sparargli?).