Wienna

di Christian Mascheroni
La vera amicizia non ha confini.

Werner si prepara ad atterrare a Vienna, città natale. E mentre sfoglia il suo diario affiorano altri ricordi più lontani, fatti di luoghi che credeva abbandonati, di genitori spesso assenti e di loro, i miglioramici: Florjan impavido domatore di serpenti, Astrid bellissima e tormentata come la tristezza e Reinhold mascherato da uomo sicuro e vincente. Una casa a cui ritornare, i suoi miglioramici, una spalla a cui aggrapparsi per riappacificarsi con le proprie colpe, le proprie scelte di vita e il destino stesso. Camminando su strade che forse non riconoscono più i suoi passi, Werner insegue il proprio passato accompagnato da fantasmi da scacciare, in una lunga notte verso i suoi trent’anni sotto il continuo presagio della fine di qualcosa.

Pagine: 223
Formato cartaceo: 13 x 19 cm
Formato ebook: epub senza DRM
Uscita: marzo 2012
Isbn cartaceo: 9788895744216
Isbn ebook: 9788895744827

COD: 4615 Categorie: ,
Svuota
Christian Mascheroni

Christian Mascheroni

Autore di Wienna

Christian Mascheroni è nato nel 1974 a Como. Ha pubblicato “Impronte di Pioggia” (L’Ambaradan, 2005), “Attraversami” (Las Vegas edizioni, 2008), “Alex fa due passi” (Las Vegas edizioni, 2009), “Wienna” (Las Vegas edizioni, 2012), “Non avere paura dei libri” (Hacca, 2013). Lavora come autore televisivo e attualmente è in onda con “Ti racconto un libro” su Iris. Ha fondato l’associazione culturale Virgola, vita.

Primo capitolo

Null.

Rannicchiato sul fianco, con le ginocchia al petto come quando dorme, Werner sta fissando la vita; o almeno, ciò che ne rimane. È lì, innocua, docile, condensata in una pozza di sangue. Non fa paura, forse perché si manifesta per quella che, alla fine, è sempre stata. Nient’altro che un riflesso liquefatto di ciò che lo ha circondato sin dall’infanzia e che, negli anni a seguire, ha disperatamente provato a cancellare. Werner non sa bene se la cosa lo deluda del tutto. A dire il vero, sta solo attendendo che compaiano, in ordine, le visioni che gli hanno sciorinato i film dossier degli anni Ottanta e le prediche della domenica: tunnel fluorescenti, rewind esistenziali, angeli asessuati. Quello che si è sempre immaginato è che, un attimo prima di esalare l’ultimo respiro, si assistesse a qualcosa di simile a una rappresentazione teatrale. Un palcoscenico dalle assi scricchiolanti e l’esistenza nei panni di un cigno bianco della Donauinsel, sgrassato da sogni e da attese, che piega il collo, saluta il suo pubblico e addio. Applausi. Al posto di tutto questo, invece, Werner non vede altro che una platea vuota, una strada deserta, dove sono rimasti solo pochi elementi di scena: una copia del Kronen Zeitung sul ciglio della strada, la luna appiccicata al vetro di una bottiglia di birra Pilsner, una bicicletta arrugginita incatenata a un palo, il 3×2 all’entrata del minimarket Billa, le imposte colorate alle finestre delle villette a schiera di Violaweg. Uno spettacolo senza pubblico che, da unico spettatore, vede specchiarsi in questa viscosa cartolina della sua città. Un pezzo, microscopico, genetico, della sua Vienna. Forse non è l’apparizione celestiale che si aspettava, ma di sicuro è l’ultima visione alla quale vuole assistere. La visione della strada dove è nato e cresciuto.