Polaroid

3,9910,00

Le Torri Gemelle, il G8, il black-out, la rivolta dei cinesi a Milano… La cronaca piove dalle televisioni e ipnotizza il pubblico, manipola il gusto, coltiva e armonizza paure. Illustrato a violenti chiaroscuri dal pittore inglese Tobin Florio, “Polaroid” fotografa il mondo odierno in dieci istantanee la cui luce improvvisa scopre, ma non sorprende, una società di esseri umani allevati secondo una logica di regime sotterranea, “democratica”. Chiunque ne resti per qualche motivo estraneo, è un “soggetto a sfavore”, è un “inadeguato sociale”. In altre parole, è una persona inutile e, come tale, va ritirata. Dieci racconti per dieci scatti che raccontano un’Italia obliqua, criticata in modo lucido, osservata dalla parte opposta di uno schermo televisivo.

Svuota
COD: N/A Categoria: Tag:

Descrizione

Polaroid

Autore: Gianluca Mercadante

Data pubblicazione: ottobre 2008

Pagine: 138

Le Torri Gemelle, il G8, il black-out, la rivolta dei cinesi a Milano… La cronaca piove dalle televisioni e ipnotizza il pubblico, manipola il gusto, coltiva e armonizza paure. Illustrato a violenti chiaroscuri dal pittore inglese Tobin Florio, “Polaroid” fotografa il mondo odierno in dieci istantanee la cui luce improvvisa scopre, ma non sorprende, una società di esseri umani allevati secondo una logica di regime sotterranea, “democratica”. Chiunque ne resti per qualche motivo estraneo, è un “soggetto a sfavore”, è un “inadeguato sociale”. In altre parole, è una persona inutile e, come tale, va ritirata. Dieci racconti per dieci scatti che raccontano un’Italia obliqua, criticata in modo lucido, osservata dalla parte opposta di uno schermo televisivo.

Rassegna stampa.

Anteprima.

Gianluca Mercadante è nato nel 1976 a Vercelli. Ha pubblicato “McLoveMenu” (Stampa Alternativa 2002), “Il Banco dei Somari” (NoReply, 2005), “Nodo al Pettine – Confessioni di un parrucchiere anarchico” (Alacràn, 2006), “Polaroid” (Las Vegas edizioni, 2008), “Cherosene” (Las Vegas edizioni, 2010), “Io ho visto tutto” (Milanonera, 2012), “Casinò Hormonal” (Lite Editions, 2013), “Caro scrittore in erba…” (Las Vegas edizioni, 2013), “Noi aspettiamo fuori” (Effedì, 2014), “Casinò Hormonal” (Lite Editions, 2015; Las Vegas edizioni, 2018), “Caro lettore in erba…” (Las Vegas edizioni, 2015). Suoi racconti sono apparsi in antologie, riviste e per il Giallo Mondadori. Ha scritto di critica letteraria per “Orizzonti”, “Pulp” e “Satisfiction”.

  • Seguilo su:

Polaroid è stato recensito su Malicuvata:

Polaroid è un piccolo libro, piccolo nelle dimensioni, centoquaranta pagine, dieci racconti, dieci euro. E le immagini sputate da una macchina fotografica istantanea sono il corpo giusto a rappresentarne sensi e approcci.
Gianluca Mercadante tenta una miscelazione pericolosa e importante: eventi di storia recente, shakerati e sottilmente mescolati con narrazioni, personaggi, dialoghi, trame. Realtà e fantasia in percentuali differenti. Realtà fortemente attuali con aderenze profonde alle cronache, a quei fatti che più hanno colpito, anche attraverso la medialità. Fantasia che è invenzione, dunque rielaborazioni dell’autore di storie, voci, vite (quanto poi dipendano da estro, talento, invenzione e quanto dal vissuto, da quelle schegge che il vivere comunque lascia, questo, non è dato saperlo).

I racconti mostrano, nella lingua quanto nelle trattazioni, leggere virate, sapori, spessori, odori e rumori che nel tempo si sono differenziati. Si sentono gli stacchi nei tempi di gestazione, come lo stesso Mercadante precisa nei ringraziamenti: Alcuni dei racconti qui proposti hanno goduto di altre vite editoriali in precedenti pubblicazioni antologiche. E questo sentire rende il libro frizzante, dà modo al lettore di non adagiarsi, di non permettersi aspettative precise.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Polaroid”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *